Tag Archive for 'torte'

Page 2 of 3

Torta caprese al limone… di nuovo la maizena

Ho adattato e rifatto una ricetta di Giallo Zafferano per questa torta un po’ calorica ma davvero goduriosa. Niente farina, solo maizena e mandorle che le danno corpo. Io sono partita dalle mandorle intere (mi erano appena arrivate dalla Sicilia) che ho sbucciato tuffandole per qualche minuto in acqua bollente, ma niente impedisce di comprare la farina di mandorle che si trova dappertutto. Dà veramente tante soddisfazioni. Continue reading ‘Torta caprese al limone… di nuovo la maizena’

Torta velocissima di mele alla lavanda

  Continua la sperimentazione della lavanda in cucina (grazie a Elena, naturalmente). E così un profumino estivo entra dentro la solita torta autunnale di mele, leggermente colorata di scuro grazie alla più sana farina integrale e dell’avena. Il problema è sempre andare piano con la lavanda perché troppa fa l’effetto saponetta. Qui, con queste dose il profumo è leggerissimo, si può anche aumentare un po’, va a gusti naturalmente. Questa è una torta da tutti i giorni, quasi senza grassi. Continue reading ‘Torta velocissima di mele alla lavanda’

Torta di ricotta al profumo di lavanda

 Per fortuna c’è Lucina! Accidenti sto trascurando il blog in modo vergognoso. E sarà sempre peggio, visto che domani parto per le mie settimane russe e sarò un po’ qui e un po’ là. Fino a metà settembre niente cucina, poca Internet, ma incontri, seminari, tanto Tolstoj, Puškin e Volga, Volga, Volga…

Per farmi perdonare e per salutarvi per un po’, posto questa tortina in mezzo a valigie da strizzare, regalini (quasi tutti alimentari) da stipare e relazione del seminario ancora da correggere.

Se una amica va in Provenza e ti porta un sacchetto di lavanda da cucina profumatissima, qualcosa ci devi fare. Già penso a un risotto che ho assaggiato in Svizzera, ma in casa avevo della ricotta di pecora da godere e così ecco qua la torta. La lavanda mi piace molto in cucina, l’unica accortezza è stare molto attenti alle dose. Il rischio-saponetta è in agguato. Grazie Elena!!!

Continue reading ‘Torta di ricotta al profumo di lavanda’

Torta di farro alle albicocche e pistacchio

Lo so che è un tormento accendere il forno con questo caldaccio. Ma lo si può sempre fare alla mattina presto per avere questa torta estiva pronta per mezzogiorno. L’acidulino delle albicocche la rende quasi dissetante. E poi il verde dei pistacchi è così carino con l’arancione della frutta. Ho preso e modificato questa ricetta da un vecchio post di cavoletto, l’ho resa più leggera diminuendo il burro e mettendo un po’ di olio. Ho sostituito la farina normale con quella di farro, così da variare un po’. Poi l’ho fatta più sbrigativa eliminando il montare gli albumi a neve. Per pigrizia e il risultato non è stato male lo stesso. Vedete voi… Continue reading ‘Torta di farro alle albicocche e pistacchio’

Crostata doppio cioccolato

Questa ricetta viene da un vecchio post di un blog che frequento ogni tanto, Vaniglia, ma è tanto vecchia che non sono più riuscita a trovarla. Comunque, avendola fatta più volte, me l’ero appuntata e modificata. Ora non so più, infatti, fin dove arrivano le mie modifiche e fin dove è la ricetta originale. Non è difficile, ha solo lunghi tempi di riposo. La cosa bella di questa crostata è l’idea della crosta croccante di cioccolato subito dopo la frolla e prima del morbido della crema. E’ una cosa che si può applicare a tante altre crostate, anche con la frutta come feci qui. L’altro giorno l’ho fatta per una vendita di beneficienza ed è andata via subito!

Continue reading ‘Crostata doppio cioccolato’

Metti una cantante a cena… La šarlotka di Yulia

Se hai in casa una magnifica cantante non puoi farla cantare, povera, sarebbe come sfruttarla una volta di più. Ma la puoi far cucinare… Ecco quindi una superclassicissima torta di mele che in Russia si fa in tutte le famiglie ed è un po’ diversa da quello che intendiamo noi con charlotte, ognuno ha la sua ricetta naturalmente, questa è quella di Yulia Ziganshina, che chiacchierando chiacchierando l’ha fatta in pochissimo tempo e con le scarne provviste che avevo in casa. Perché, come racconta Yulia, la šarlotka si fa con quello che in casa più o meno c’è sempre: farina,uova, zucchero, sale, un po’ di lievito. E le mele, naturalmente. Se poi ci si è imborghesiti, si può mangiare con un po’ di gelato.

Continue reading ‘Metti una cantante a cena… La šarlotka di Yulia’

Carrot cake

carrot cake

Who doesn’t like a good carrot cake? Not me! I LOVE them and this particular one is a winner, especially when you consider that it doesn’t contain any evil dairy (read: butter). It’s by Rachel Allen, whose recipes I really like. I’ve made this particular cake many times and it has always been a success. It’s lovely with a good cup of tea. In the original recipe there is an orange cheese cream icing as a topping but , to be perfectly honest, I find those type of toppings far too sweet and a bit sickly. Hence I didn’t put any on mine. Not much point putting icing on only to scrape it off before you eat the cake, is there? PLUS it’s a lot healthier (all in relative terms, of course) without it. Certainly it doesn’t have as many calories….And who wants to go to an extra class of zumba to burn off the extra 200 calories?:-) Continue reading ‘Carrot cake’

Torta di carote, mandorle e albicocche, senza glutine e senza latticini

Potrebbe sempre capitare di avere a cena un amico celiaco e un altro intollerante ai latticini. Questa è la torta giusta. Sembra impossibile? A noi una volta è capitato di avere una vegetariana, una celiaca e una diabetica tutte per lo stesso pranzo (e pure di nazionalità e di età diverse!). Quindi meglio preparsi in anticipo a tutte le eventualità. Continue reading ‘Torta di carote, mandorle e albicocche, senza glutine e senza latticini’

Stasera c’è un party? Megacrostata di pesche al cioccolato

Ecco una soluzione fattibile per quando si ha bisogno di una GROSSA torta. Può capitare di avere molti ospiti a un compleanno, una festa, o, chissà, a un arrivederci a Meret che parte… :(

Questa crostata è davvero molto buona e l’effetto mi ha soddisfatto in pieno. La frolla è al cacao e si fa il giorno prima, lasciandosi a frollarsi, appunto, in frigo. La crosta di cioccolato fondente isola la consistenza della frolla, la crema pasticcera ammorbidisce il tutto e la gelatina al limone lega insieme. Le pesche danno carattere, profumo e sono un bel abbinamento con il cioccolato. Si può fare tranquillamente nel nostro forno di casa (basta che sia ventilato) in una volta sola. Poi cercatevi un pezzo di polisterolo o di legno della misura delle vostre due teglie da forno che ricoprirete di carta stagnola e sarà il vassoio su cui assemblare e presentare la vostra creazione. Per 30.

Allora… al lavoro. Basta mettersi, non è così terribile. Davvero.

Continue reading ‘Stasera c’è un party? Megacrostata di pesche al cioccolato’

Pear and frangipane tart

I absolutely ADORE all types of frangipane tarts but I had never attempted to make one until now. I knew pears worked very well with frangipane and I had a few organic ones  which needed using (funny things are pears: one minute they are too hard, the next too soft. I’ve thrown away MANY in my life! But not this time…) plus a group of Italian ladies about to descend on me to discuss our latest book (I belong to two groups: an English one and an Italian one. In both the making of the cake is as important, if not more important, than the discussion of the book. Draw your own conclusions. ha ha). The decision was made for me.  I did a bit of research on line for a suitable recipe and stumbled upon this one by the Michelin starred chef Angela Hartnett which sounded promising. Ok, I admit it’s not a “throw everything in and mix” type of cake. In fact it is a bit of a faff, particularly as you need to poach the pears beforehand AND you need to make that shortcrust, crumbly type of pastry that every woman in the right mind hates . Still, I was determined to go ahead (talk about bees in one’s bonnet). I poached the pears the previous night and made the rest the following day. I can honestly say it tasted DIVINE!  Ok, I’m blowing my own trumpet a little here BUT there is no point in being accused of false modesty, is there? All Italian ladies praised it to the sky and demanded I blogged it, so here it is. Enjoy! Continue reading ‘Pear and frangipane tart’