Patate Hasselback

Mi lancio nei luoghi comuni. Il tempo è impazzito, non ci sono più le stagioni di una volta… E infatti Laura a Bruxelles mi guarda dallo schermo Skype in canottiera mentre io le rispondo con una bella felpetta a maniche lunghe. Lucina in Inghilterra sceglie dal florilegio del blog tutte le ricette rinfrescanti e io penso a qualche bel piattino caldo per le fresche serate di questa mezz’estate con l’ombrello. Il cielo ha più di 50 sfumature di grigio e la programmata gita in montagna da fare col sole dovrà aspettare, mi sa, dicembre. Ecco dunque questo piatto tradizionale per niente estivo ma che noi abbiamo gradito. Ok, molto burro, ma per una volta… (ahi, mi sa che anche la prossima ricetta che posterò non sarà molto light…). Ah, dimenticavo: pare che Hasselback fosse un ristorante svedese (quindi ecco una ricetta degna di entrare nelle tradizioni di famiglia). E la foto? C’era, c’era ma l’ho cancellata per sbaglio!Ingredienti

6 patate medio-grosse più o meno della stessa grandezza

100 gr. di burro

abbondante pane grattuggiato

un po’ di paprika dolce o affumicata

sale

Preriscaldo il forno a 200°.

Lavo bene le patate e strofino la buccia (io lo faccio con la paglietta di acciaio). Le incido a distanza regolare senza arrivare fino in fondo con il taglio, arrivando a un cm. dalla base. Le metto in una teglia con la parte tagliata in alto e spennello con metà del burro fuso, avendo cura che entri nelle fessure. Salo e metto in forno per 40 minuti. Tiro fuori irroro con il burro rimasto e cospargo con il pan grattato e la paprika. Rimetto in forno per altri 10 minuti. Il tempo di cottura dipende molto dalla grandezza delle patate, quindi controllate che siano ben cotte e  morbide.

Vanno servite ben calde.

C’è chi le fa, ho visto in rete, con l’olio al posto del burro, ma non credo valga la pena. E’ proprio il burro che le rende deliziose. Andate a farvi una corsetta dopo, se non piove!

Per inciderle in modo regolare senza arrivare in fondo e romperle (cosa che io ho fatto in uno o due casi) consigliano di infilare uno stecchino alla distanza voluta che blocchi il coltello. Io ho fatto a occhio.

Poi molti si sbizzarriscono e nelle fessure mettono formaggi vari e prosciutti…

 

Related posts:

1 Response to “Patate Hasselback”


  • Ma questa mi sembra una variante sfiziosa della nostra “jacket potato”! Qui però si cuoce la patata nel forno con la sua buccia che è stata leggermente unta di olio, poi quando è bella cotta e morbida si taglia in alto e si aggiunge quel che si vuole: burro/formaggio/baked beans…e chi più ne ha più ne metta. Mi sa che dovrò provare la versione svedese dunque….

Leave a Reply to Lucina