Piadina mediorientale

  Oh gli orrori della fusion! Anatema sui miscugli che se ne infischiano della filologia gastronomica!! Eppure, qualche volta girellare per il mondo culinario può darci idee e suggerire qualcosa di nuovo che poi nelle nostre cucine nostrane lieviterà e prenderà forme tra l’usuale e l’insolito. A me piace molto curiosare in un bellissimo sito di cucina libanese che mi aperto un mondo di profumi, colori e ricette accurate. E così lì ho rubato un modo per fare le polpette, il delizioso sapore acidulo della melassa di melograno (che mi compravo sempre a Mosca, la narsharab azera e che adesso ho scoperto poter trovare in qualsiasi minimarket arabo o di prodotti mediorientali), mille usi per il pistacchio e tante altre cose buone. Questa mia contaminazione parte dalle pie di carne Damascus style, la cui ricetta originaria (fatta con l’agnello) trovate qui. Ed ecco una libera interpretazione da mamma lombarda.

Ingredienti

500 gr di carne trita (anche mista di agnello se piace)

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

2 o 3 cucchiai di melassa di melograno (consiglio di provare al gusto, quanto piace il suo sapore acidulo)

2 cipolle medie

sale, 1 cucchiaino

1/2 cucchiaino di spezie varie (io ci ho messo un misto di coriandolo, paprica dolce e un pizzico di curry leggero)

1 cucchiaio di tahin abbondante (crema di sesamo)

1 fetta di pane ammollato nel latte

5-6 piadine

Mettere tutti gli ingredienti nel mixer e ridurli in pasta. Spalmarla sulle piadine e infornarle a forno medio 160-170° per 15 minuti-

 

Related posts:

3 Responses to “Piadina mediorientale”


  • Ma che coincidenza, cara Candi! Anch’io ultimamente sto esplorando cucine diverse orientaleggianti! Nel mio caso quella israeliana, grazie ad un paio di fantastici libri ricevuti a Natale di un cuoco di origini israeliane molto famoso che si chiama Yotam Ottolenghi. Ne hai sentito parlare? Oltretutto i suoi nonni erano italiani, come si può capire dal cognome nostrano. Lui è nato e cresciuto in Israele ma adesso si è stabilito a Londra dove ha un bellissimo ( e carissimo) ristorantino che prima o poi voglio provare. Mi piace moltissimo la sua filosofia del cucinare che rispecchia un po’ la nostra: pochi, semplici e freschi ingredienti , no faff! Ultimamente sono andata a curiosare nel suo libro di ricette e ce ne sono tantissime che mi attirano e che vorrei provare. Il problema è che alcuni degli ingredienti non sono facilmente reperibili nei supermercati: bisogna andare nei negozi specializzati. Cosi mi sono segnata quelli più strani usati da Ottolenghi e ho ordinato una scatola di spezie e prodotti vari da un sito su internet. Beh, vuoi credere che una delle cose che ho ordinato e che mi è arrivata proprio l’altro giorno è la melassa di melograno??? Quindi devo assolutamente provare questa tua ricetta! Avanti con gli esperimenti di cucina fusion allora!!!!:-)

  • Ottolenghi è un mio mito, non ho il libro ma ho curiosato in giro per internet. Guarda qua lo Starbooks di Araba felice http://www.arabafeliceincucina.blogspot.it/2013/02/starbooks-di-febbraio-2013-polpette-di.html

Leave a Reply to Lucina